RAPPORTI PUGLIA - ARGENTINA - Sud in Europa

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

RAPPORTI PUGLIA - ARGENTINA

Archivio > Anno 2003 > Ottobre 2003
di Redazione    

È iniziato, presso l’Università di Bari, il percorso formativo finalizzato alla formazione di “esperti nella gestione dei rapporti con gli Italiani all’estero ed in particolare con l’Argentina” . Si tratta di un corso della durata di 8 mesi e riservato a 60 dipendenti di enti pubblici e privati pugliesi, che si propone di creare una rete di esperti per la creazione di nuove reti partenariali locali ai fini del collegamento con gli italiani residenti all’estero ed in particolare in Argentina. L’obiettivo del corso consiste nel valorizzare i rapporti esistenti in fattori stabili di sviluppo del territorio nonché, attraverso anche la metodologia della formazione a distanza, nel costituire un network regionale di animatori territoriali per l’internazionalizzazione, in settori che vanno dall’economia alla cultura, in stretto e costante collegamento con le rappresentanze degli italiani all’estero.
Il corso è finanziato dalla Unione Europea (Fondo Sociale) sulla base di un Progetto del Ministero degli Affari Esteri (Direzione Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche migratorie) concernente Iniziative specifiche di animazione e promozione di legami stabili tra l’economia del Mezzogiorno e gli italiani residenti all’estero (Programma Operativo Nazionale di Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema - Decisione Commissione n. C (2001) 635 del 22 marzo 2001).
La gestione è affidata ad un pool di soggetti formato anzitutto dalla Università di Bari (capofila), che si avvale della propria pluriennale e consolidata esperienza con numerose Università pubbliche e private argentine. Gli altri partners sono l’Università di Roma La Sapienza, l’Associazione per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (AICCRE) Federazione pugliese, l’AITEF Puglia.
Gli allievi svolgeranno, al termine del corso, uno stage in Argentina presso enti o aziende collegati alle comunità italiane.
SudINEuropa seguirà con attenzione lo sviluppo del corso informandone costantemente i propri lettori.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu