MANIFESTO DI MESSINA 2005 - Sud in Europa

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

MANIFESTO DI MESSINA 2005

Archivio > Anno 2005 > Giugno 2005


di Redazione   
Di seguito si riporta il testo del Manifesto di Messina del 1° giugno 2005.

----------------------------------


I sottoscritti, riuniti a Messina, alla presenza dei rappresentanti del Parlamento Europeo e della Commissione, per il Cinquantenario della Conferenza di Messina che, superando gli ostacoli dovuti alla mancata ratifica del Trattato per la Comunità europea di difesa, diede concreto e reale avvio alla Comunità Economica europea e, nel tempo, all'Unione europea.
– Profondamente convinti che solo attraverso l'unificazione e la solidarietà fra i loro popoli, gli Stati europei potranno far valere nel mondo i valori e i diritti millenari delle loro civiltà ed accelerare il proprio progresso economico, giuridico e sociale sottolineando che solo l'affermazione e l'esaltazione concreta della cittadinanza europea darà alle donne e agli uomini d'Europa la coscienza della loro appartenenza alla stessa Unione;
– Convinti che le crisi successive, anche le più recenti, non possono e non devono impedire il corso naturale dell'unificazione europea alla quale sono strettamente legati i destini dei popoli europei;
– Coscienti del fatto che ciascuno deve contribuire alla soluzione delle difficoltà ed alla ricerca delle soluzioni più valide per rilanciare il processo di unificazione economica e politica europea.
Con lo sguardo rivolto alle future prospettive di collegamento con i Paesi del Mediterraneo, collegamento fruttuoso e ricco di valenze, non solo strettamente economiche, se l'Unione apparirà, senza divisioni, convincente centro diffusore di modelli di democrazia.
Aderendo all'appello del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi
chiedono
al Magnifico Rettore ed alle Istituzioni della città di Messina, anche in concorso con altre Istituzioni Europee ed Universitarie che, assumendo il retaggio delle idee e dei valori della Conferenza di Messina del 1955, promuovano – con le strutture e i mezzi che riterranno utili – riflessioni e proposte che, respingendo tentazioni nazionalistiche consentano, ancora una volta, di accelerare la concreta realizzazione del grande sogno unitario nella pace, nella libertà, nella solidarietà e nella giustizia.
Messina, 1 giugno 2005

Primi firmatari:

Lamberto Dini (V. Presidente del Senato)

Enrico Vinci (Segretario Generale Emerito del Parlamento Europeo)

Francesco Tomasello (Rettore dell'Università degli Studi di Messina)

Pier Virgilio Dastoli (Direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea)

Massimo Palumbo (Ufficio per l'Italia del Parlamento Europeo)

Carlo Curti Gialdino (Amministratore CIDE)

Andrea Romano (Preside della Facoltà di Scienze Politiche di Messina Coord. del Convegno)

Salvatore Berlingò (Preside della Facoltà di Giurisprudenza Membro del Comitato Scient.)

Luigi Ferlazzo Natoli (Preside della Facoltà di Economia Membro del Comitato Scient.)

Edmondo Paolini (Giornalista)

Sergio Pistone (Università di Torino)

Ennio Triggiani (Università di Bari)                                                                                                                     
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu